Published on Agosto 3, 2017

Dopo quasi tre anni, il DDL concorrenza è finalmente legge

Sono passati 894 giorni dalla presentazione, da parte del Consiglio dei Ministri (20 febbraio 2015), del primo disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza, rispettando un obbligo introdotto nel 2009 (legge 23 luglio 2009, n. 99) e fino ad allora disatteso. La norma era stata trasmessa alla Camera dei Deputati in data 3 aprile 2015, approvata in prima lettura dalla Camera il 7 ottobre 2015 e dal Senato il 3 maggio 2017. Dopo un ulteriore passaggio alla Camera dei Deputati, è stata approvata definitivamente dal Senato della Repubblica proprio ieri, il 2 agosto 2017 (vedi Legge 4 agosto 2017, n. 124 – c.d. Legge Concorrenza). Un iter normativo partito da lontano se si pensa che tutto era iniziato con il famoso Decreto Liberalizzazioni Monti, poi convertito nella Legge 27 del 24 marzo 2012.  

Tra le più importanti novità, c'è ovviamente quella che riguarda gli sconti RCAuto e scatole nere. Arrivano, dunque, gli sconti sulle polizze per chi si farà installare la scatola nera e per gli automobilisti ‘virtuosi’. Nello specifico la nuova legge sancisce il diritto uno sconto significativo per l'assicurato "nel caso in cui vengono installati, su proposta dell’impresa di assicurazione, o sono già presenti e portabili meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo, denominati "scatola nera" o equivalenti…".  

Nella Legge, al Comma 20, c'è anche un riferimento all'art. 145-bis (Valore probatorio delle cosiddette «scatole nere» e di altri dispositivi elettronici) e all'annoso tema della portabilità e interoperabilità (Comma 20-2), sul quale Viasat si batte da tempo, anche in ambito associativo (TSP Association), dove si definisce che "L’interoperabilità e la portabilità dei meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo di cui all’articolo 132-ter, comma 1, lettera b), anche nei casi di sottoscrizione da parte dell’assicurato di un contratto di assicurazione con un’impresa assicuratrice diversa da quella che ha provveduto a installare i meccanismi elettronici, sono garantite da operatori, di seguito denominati provider di telematica assicurativa…".

Infine, un altro punto estremamente importante (Comma 184) riguarda l'obbligatorietà della scatola nera: "il Governo è delegato ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi diretti a disciplinare l’installazione sui mezzi di trasporto delle cosiddette «scatole nere» o altri dispositivi elettronici similari, volti anche a realizzare piattaforme tecnologiche per uno sviluppo urbano integrato multidisciplinare, in coerenza con la normativa dell’Unione europea e nel rispetto dei seguenti princìpi e criteri direttivi […] stabilire la progressiva estensione dell’utilizzo dei dispositivi elettronici, con priorità sui veicoli che svolgono un servizio pubblico o che beneficiano di incentivi pubblici e, successivamente, sui veicoli privati adibiti al trasporto di persone o cose, senza maggiori oneri per i cittadini".

"L'utilizzo della Scatola Nera, su tutti i mezzi pesanti e su tutte le vetture, può risolvere il problema delle frodi assicurative che di fatto penalizzano col caro-polizza le imprese di trasporto e tutti gli automobilisti onesti e i virtuosi" spiega Domenico Petrone, Presidente di Viasat Group. "Il provvedimento migliorerà la sicurezza delle persone e l'efficenza del trasporto delle merci, creando occupazione per migliaia di tecnici nel settore tecnologico (Industria 4.0) e nei servizi indotti (sicurezza, logistica, trasporto, ecc..), oltre a ottenere i noti benefici sociali (protezione, sicurezza, riduzione incidenti, ecc..), ottimizzando e migliorando l'efficenza delle imprese di logistica e trasporto nazionali, con un impatto strutturale durevole e positivo per tutto il Paese. Con questo provvedimento legislativo si rilancia una lunghissima filiera di opportunità: nel settore Industriale, Logistica e Trasporti con un risparmio di oltre 10 miliardi di euro l'anno e benefici per gli automobilisti onesti e virtuosi superiori ai 12 miliardi di euro l'anno".

Related news

01/12/2022
IRU, l’associazione internazionale dell’autotrasporto, rileva periodicamente la carenza di autisti per il trasporto merci in diversi Paesi del mondo. I numeri pubblicati l’ultimo rapporto evidenziano…