Published on Giugno 30, 2022

GUIDARE SENZA CARTA TACHIGRAFICA È UN REATO

Guidavano un camion senza aver inserito la carta tachigrafica, il dispositivo che interagisce con il cronotachigrafo digitale e permette di conservare i dati relativi alle operazioni svolte durante il periodo di lavoro (tempi di guida, di riposo, ecc.). È quanto hanno scoperto gli agenti del Reparto Radiomobile della Polizia Locale di Torino, durante una serie di controlli effettuati alcuni giorni fa.

Sono diverse testate a riportare la notizia. Si legge nella cronaca: “I due autisti, che si alternavano alla guida di un autoarticolato dotato di una cella frigo per i trasporti di alimenti, alla vista della pattuglia hanno tentato di inserire la carta conducente dentro lo slot del tachigrafo digitale. Ma ormai era troppo tardi. Una volta fermati, gli agenti hanno esaminato la scheda di memoria, scoprendo come tutti e due i conducenti avevano guidato senza inserirla, eludendo un obbligo di legge (l’operazione, infatti, è obbligatoria ed è necessaria per il controllo dei tempi di guida e di riposo). In particolare, l’analisi dei dati digitali scaricati dal tachigrafo ha fatto emergere che, anche nei ventotto giorni precedenti al controllo, i conducenti del veicolo non avevano inserito la carta tachigrafica, percorrendo fino a 800 chilometri giornalieri. Inoltre, per non fare rilevare l’allarme di guida senza carta, i conducenti avrebbero attivato una particolare funzione di settaggio che gli consentiva di non riposare mai, mettendo in tal modo a serio rischio la sicurezza stradale.”

A entrambi gli autotrasportatori è stata ritirata la patente: la durata della sospensione verrà decisa dalla Prefettura. Inoltre sono stati decurtati dieci punti a testa sulla patente. Alla ditta proprietaria del veicolo, invece, sono state notificate sanzioni per un totale di oltre 15.000 euro e sarà segnalata agli organi competenti.

È bene sempre ricordare che le infrazioni alla normativa sul cronotachigrafo è un reato. Possono quindi generare multe molto pesanti per l’azienda, oltre che mettere a repentaglio la sicurezza. A tal proposito, con le soluzioni telematiche Viasat connesse al veicolo la gestione del tachigrafo diventa semplice. L’azienda ha gli strumenti giusti per migliorare l’attività degli autisti, liberarsi dalle incombenze amministrative e ridurre il rischio di infrazioni.

Per maggiori informazioni >

Related news

01/12/2022
IRU, l’associazione internazionale dell’autotrasporto, rileva periodicamente la carenza di autisti per il trasporto merci in diversi Paesi del mondo. I numeri pubblicati l’ultimo rapporto evidenziano…