Published on Aprile 6, 2022

IL COMMERCIO DIGITALE VIAGGIA A GONFIE VELE

In un contesto di ripresa dell’economia italiana, testimoniato dal più alto livello di esportazioni mai registrato finora, il commercio digitale sta assumendo un ruolo sempre più centrale nelle strategie di export delle imprese italiane. Tuttavia, l’entusiasmo per i numeri fatti registrare nel 2021 è stato frenato negli ultimi mesi da problemi crescenti nelle catene di approvvigionamento, dal forte rincaro delle materie prime e dalle numerose implicazioni della guerra Ucraina.

Secondo gli ultimi fati disponibili dell’Osservatorio eCommerce B2c, in Italia nel 2021 gli acquisti online valgono 39,4 miliardi di euro (+21% rispetto al 2020). Gli acquisti di prodotto continuano ad aumentare, sebbene con un tasso più contenuto (+18%) rispetto a quello dello scorso anno (+45%), e toccano i 30,5 miliardi di euro. Quelli di servizio segnano un +36% e raggiungono gli 8,9 miliardi di euro.

In Italia l’eCommerce B2c rappresentava, già prima della pandemia, uno dei principali motori di crescita e di innovazione del Retail. In seguito alle restrizioni vi è stato però uno straordinario salto evolutivo a favore del digitale che ha coinvolto anche il mondo del commercio. Non sono solo cambiati i comportamenti di acquisto, ma è maturata anche la consapevolezza sulla imprescindibilità di progettare un percorso di vendita e di relazione fondato sull’integrazione e sulla collaborazione tra canali fisico e online. Rispetto al passato non solo le grandi realtà, ma anche le medio-piccole imprese italiane, si sono avvicinate all’eCommerce e ne hanno compreso le potenzialità.

Con utenti finali sempre più esigenti in termini di qualità e personalizzazione del servizio, le aziende devono ora rispondere da un lato all’aumento dei volumi di consegna, dall’altro alla richiesta di una distribuzione capillare e dislocata sul territorio. Nonostante le complessità, si tratta di un’opportunità di crescita imperdibile in cui la telematica può essere fondamentale. In tal senso, le soluzioni che propone Viasat Fleet in ottica di ultimo miglio, consentono di avere a disposizione sistemi di tracciamento, fondamentale in tutte le sue sfaccettature: dal tracking live del mezzo, alla possibilità di interagire direttamente con il conducente, alle notifiche sullo stato della consegna. Senza contare che permettono di monitorare costanetemnte la flotta mettendo così al riparo i mezzi e la merce che si trasporta da possibili furti.

Per maggiori informazioni >

Related news

01/12/2022
IRU, l’associazione internazionale dell’autotrasporto, rileva periodicamente la carenza di autisti per il trasporto merci in diversi Paesi del mondo. I numeri pubblicati l’ultimo rapporto evidenziano…